Media Key

La nuova campagna pubblicitaria 2013 Faraone e La Gazza Ladra

La nuova campagna pubblicitaria Faraone 2013 è frutto di una collaborazione speciale. Protagonisti i preziosi gioielli signature Faraone e “La Gazza Ladra”.
A Febbraio il lancio ufficiale della nuova campagna Faraone 2013, realizzata grazie a un progetto speciale in collaborazione con Grey Magazine, Valentina Ilardi Martin fondatrice e Direttore Responsabile della stessa rivista. La nuova campagna Faraone, al via da Febbraio 2013 con un media mix articolato che comprende magazines e new media, Italia e estero, segna per lo storico marchio italiano di alta gioielleria un nuovo importante percorso di comunicazione. Protagonisti della rinnovata campagna, negli scatti del giovane fotografo e artista Peppe Tortora, i gioielli Faraone e “La Gazza Ladra”. Quattro i soggetti, due dedicati alla collezione One of a Kind, la linea haute-couture, e due dedicati alla collezione F Faraone, la linea pret-àporter; questi ultimi una sorta di spin-off della stessa campagna, con un mood più fresco quasi irriverente rispetto agli scatti de “La gazza Ladra”, in linea con le diverse filosofie delle due collezioni Faraone.

L’idea su cui il direttore creativo Valentina Ilardi Martin ha lavorato è La Gazza Ladra, opera di Gioacchino Rossini rappresentata per la prima volta il 31 maggio 1817 al teatro La Scala e successivamente interpretata da Maria Callas, indiscussa icona di stile estimatrice dei gioielli Faraone, e il sottile, sofisticato, elegante doppio senso insito del testo-titolo, che descrive sia il più furbo degli animali, incapace di resistere al luccichio di oggetti preziosi, i gioielli, sia la protagonista dell’opera di Rossini. Il comportamento, il gesto caratteristico della gazza ladra nell’atto del rubare – il prezioso collier Cascade di diamanti o gli orecchini chandelier di diamanti e zaffiri -è l’ispirazione per il set e per l’atmosfera, dettando il giusto equilibrio tra luci, oggetti, protagonisti e co-protagonisti.

L’atmosfera, reinterpretata in chiave contemporanea da tutto il team creativo per Faraone, é un evidente richiamo alle rappresentazioni pittoriche della natura morta, genere le cui prime tracce si ritrovano già in epoca ellenistica, si evolve concettualmente e stilisticamente nel Medioevo con Giotto, fino al Rinascimento con stretti collegamenti alla pittura fiamminga; ritratti di oggetti inanimati, frutta e fiori, ma anche oggetti di vario tipo, come strumenti musicali, pesci ed altri animali, attenzione estrema per la raffigurazione dell’oggetto, simbolo di un messaggio, non semplicemente fine a se stesso.

La campagna “Faraone e La Gazza Ladra” segna un’ulteriore passo avanti nella costruzione e nel consolidamento di un’immagine chiara, forte ed innovativa, pur sempre strettamente legata a quell’immagine di eleganza e tradizione che negli anni ne ha dettato fama e successo, rientrando in una più ampia rinnovata filosofia di prodotto e di “luxury concept”.