Media Key

Esopianeti da Nobel su COSMO volume #10

BFC Space, controllata da BFC Media, società quotata all’Aim ed editrice dei mensili Forbes, Bluerating, Private, Asset Class, COSMO e del trisettimanale per chi ama il cavallo Trotto&Turf, editore delle trasmissioni televisive di BFC Video in onda 24 ore su 24 sia sulla piattaforma OTT di bfcvideo.com sia sul satellite, ai canali 511 di SKY e 61 di TivùSat ed editore infine del nuovo canale televisivo Bike dedicato alla smart mobility e trasmesso sul digitale terrestre al canale 259 oppure in diretta su bikeplay.tv pubblica in edicola domani 30 settembre il decimo volume del mensile COSMOche in questo mese celebra un doppio anniversario. L’annuncio della scoperta del primo pianeta extrasolare e il conferimento del Nobel per la fisica ai due scopritori. Uno dei premiati, Didier Queloz, insieme all’ideatore del progetto Wasp (per la ricerca di esopianeti) Don Pollacco, fanno il punto, in esclusiva per COSMO, delle loro ricerche al confine tra planetologia e astrofisica.

Space Economy: Kepler, il primo cacciatore spaziale di esopianeti. A due anni dalla sua disattivazione, COSMO percorre una breve retrospettiva sulla missione del telescopio spaziale della NASA. È stata la prima missione oltre a essere quella in cui ne è stato scoperto il maggior numero, quasi tremila. Sempre in ambito di Space Economy Cosmo pubblica un importante articolo che illustra i motivi per cui l’industria italiana è il baricentro d’Europa per tutte le questioni di ottica.

Anniversari cosmici. Cento anni fa nasceva a Padova Giuseppe Colombo, per tutti “Bepi”. Nono di 10 fratelli dimostrò subito una straordinaria affinità con la matematica al punto da iscriversi alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Negli anni 60 attraversò l’Atlantico per stupire gli scienziati nordamericani con i suoi studi sulle carambole e le traiettorie dei satelliti.

Astrofisica. A caccia di neutrini sul fondo del mare con il telescopio sottomarino KM3NeT che indagherà gli abissi del cosmo. I neutrini sono infatti ottimi messaggeri per studiare a fondo l’universo al punto da essere considerati la particella ideale per gli astrofisici. Difficile però rivelarli. Le università e gli istituti di ricerca coinvolti nel progetto sono 57, con un importante contributo dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), tramite la collaborazione di 10 Sezioni dell’Istituto su tutto il territorio nazionale.

Fenomeni del mese. L’appuntamento in cielo è con Marte. Dopo un’attesa di oltre due anni in questo mese il Pianeta Rosso torna a presentarsi con una posizione favorevole. Il momento è ideale perché è il solo periodo utile per vederlo distintamente a cavallo delle opposizioni, quando è possibile discernere le formazioni superficiali fino alle nubi e alle calotte polari.

La sezione Augmented Reality di COSMO #10 (il magazine presenta una foliazione complessiva di 100 pagine con 16 pagine di inserito pubblicitario) offre come sempre contenuti multimediali extra fruibili grazie all’APP BFC AR. Dieci esperienze di realtà aumentata come alcuni imperdibili video che vanno dall’osservazione della nebulosa Ombra del Pipistrello alla preparazione dell’avveniristico telescopio sottomarino che punta ai neutrini fino all’eredità di Kepler, un contributo NASA sul lascito del celeberrimo telescopio spaziale.