Media Key

Akamai pubblica il Rapporto sullo Stato di Internet Q1 2017

Akamai pubblica oggi il Rapporto sullo Stato di Internet relativo al primo trimestre 2017. Qui di seguito, i dati emersi relativi all’Italia. Subito dopo, il comunicato stampa con focus sull’area EMEA.
 
Penetrazione internet
Nel primo trimestre 2017, circa 814 milioni di indirizzi IPv4 si sono connessi alla Akamai Intelligent Platform da 239 località. L’Italia mantiene la decima posizione con 17.108.083 indirizzi connessi (-1,8% rispetto al trimestre precedente, +2,5% rispetto allo stesso periodo del 2016).
 
Velocità media di connessione – Italia a 9,2 Mbps
Nonostante il continuo aumento della velocità media di connessione, che da 8,7 nel Q4 2016 passa nel trimestre in esame a 9,2 Mbps (+6,2%), nel primo trimestre 2017 l’Italia scende ancora nella classifica mondiale posizionandosi 61esima e rimanendo alla 28esima in area EMEA. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (Q1 2016) l’aumento è del 13%.
 
La media delle velocità di picco raggiunta in Italia nel trimestre in esame si attesta a 51 Mbps, in aumento del 40% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (Q1 2016). A livello mondiale, l’Italia è 74esima.
 
Adozione broadband (>4 Mbps)
Sul fronte adozione della banda larga l’Italia rimane in stallo: il 79% delle connessioni sono sopra i 4 Mbps. Il nostro paese scende dalla 28esima alla 29esima posizione in EMEA e dalla 63esima alla 65esima a livello mondiale. Rispetto al trimestre precedente, nel Q1 2017 l’Italia registra un leggero aumento del 2,2% mentre un calo del 4% rispetto all’anno precedente (Q1 2016).
 
Adozione high broadband (>10 Mbps)
Sul fronte adozione dell’high broadband, nel trimestre in esame l’Italia registra solo il 26% di connessioni sopra i 10Mbps (+11% rispetto al Q4 2016 e +47% rispetto al Q1 2016). Un confronto: l’Italia è al 26%, la Svizzera è a quota 75%.
 
Adozione broadband 15 Mbps
A fronte di una media di oltre il 30% registrata dai paesi EMEA coinvolti nello studio, l’Italia registra solo il 12% delle connessioni superiori ai 15 Mbps. Nella classifica mondiale scende di una posizione (55esima), mentre a livello EMEA si attesta alla 32esima, sebbene Akamai abbia registrato un aumento del 73% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (Q1 2016).
 
Connessioni mobile
Nel trimestre in esame, in Italia la velocità media di connessione mobile raggiunge i 12,4 Mbps.
 
Grazie alla sua piattaforma intelligente costituita da oltre 230mila server distribuiti in 130 Paesi, ogni giorno Akamai gestisce oltre duemila miliardi di interazioni via Internet, servendo contenuti a oltre 800 milioni di indirizzi IP sparsi in tutto il mondo che rappresentano circa 1 miliardo di utenti web. Il 90% degli utenti di internet nel mondo oggi riceve contenuti da server Akamai che sono collegati direttamente al proprio Internet Service Provider.