Media Key

7milamiglialontano presenta in EXPO 2015 il libro fotografico che racconta il proprio viaggio benefico intorno al mondo

Il prossimo 20 settembre, all’interno di EXPO 2015 (Cascina Triulza) verrà presentato il libro fotografico realizzato per raccontare il viaggio intorno al mondo di 7milamiglialontano 2015, il tour che ha attraversato il mondo per offrire sostegno, cibo e acqua alle popolazioni in difficoltà. L’iniziativa è partita nel giugno 2014 e ha toccato diversi angoli del mondo in sette tappe durante le quali sono stati realizzati reportage su stili e condizioni alimentari dei popoli del pianeta.

Questo viaggio intorno al mondo è stato compiuto da team di fotografi, video maker, giornalisti e appassionati di sport che, uniti dal desiderio di offrire solidarietà, hanno percorso circa 80 mila chilometri e 5 trasbordi su navi cargo con lo scopo di raccogliere fondi. Oltre a quanto ottenuto in questi dieci mesi, il 6 luglio si è tenuta un’asta benefica a Milano in cui sono state vendute le attrezzature utilizzate per il tour come computer, macchine fotografiche, automobili e molto altro.

7 diversi equipaggi per 7 tappe a sostegno di 7 associazioni umanitarie legate a questo progetto come Fondazione Ant, Emergency, Cesvi, Casa Delle Donne, Centro Aiuti Per L’Etiopia, Coopi, Amici Della Zizzi. L’iniziativa è stata supportata, tra gli altri, anche dal partner tecnico e sponsor AQuest, agenzia creativa digitale italiana (miglior sviluppatore di siti web di tutto il mondo secondo gli Awwwards) che si è occupata della realizzazione del sito web 7mml.org. AQuest ha partecipato attivamente anche al viaggio, inviando uno dei propri fotografi (Mattia Cacciatori) con il team che ha affrontato la tappa partita dall’Etiopia e giunta sino a Milano.

"7MilaMigliaLontano è un progetto di grande impatto sociale e mediatico al quale abbiamo dedicato molte risorse con lo scopo di realizzare qualcosa di unico: un hub in grado di raccontare in tempo reale il viaggio dei team, attraverso i contenuti testuali e visual geolocalizzati integrati con le piattaforme social (Twitter, Instagram, Youtube). Abbiamo utilizzato una forma di storytelling che si ispira al diario di viaggio, con il risultato di fornire agli utenti un aggiornamento continuo sugli spostamenti dei viaggiatori. In poche parole, volevamo creare un’esperienza di navigazione in grado di ricreare emozioni, atmosfere, orizzonti respirati dai viaggiatori”, ha dichiarato Fabio Merlin, CEO e creative director di AQuest.