Media Key

Verona Bike continua a rinnovarsi: le e-bike sono arrivate

Il 2020 ha rappresentato per Verona Bike l’anno dell’evoluzione. Grazie ai finanziamenti del Programma Sperimentale Nazionale Mobilità Sostenibile, il bike sharing del Comune di Verona è stato completamente rinnovato con l’incremento delle biciclette tradizionali, l’ampliamento della rete di stazioni e oggi con un altro importante tassello: le biciclette a pedalata assistita. 150 e-bike, di cui 50 dotate di seggiolino per bambini, vanno ad arricchire la flotta composta da 420 biciclette a pedalata muscolare.

Clear Channel Italia, gestore del servizio, ha introdotto un modello di e-bike tecnologicamente avanzato, performante e adatto alle esigenze degli utenti. Il telaio rosso fuoco e il design completamente rinnovato rispetto al modello di bici tradizionale le rendono immediatamente riconoscibili. Leggere e maneggevoli grazie ad un peso complessivo inferiore ai 25 kg, sono dotate di un innovativo sistema di connessione che gestisce la potenza del motore e comunica in tempo reale il livello di carica della batteria, la posizione e le eventuali anomalie. Il sellino è sostenuto da un tubo triangolare graduato che ne impedisce la rotazione e rende più agevole la guida. Le nuove e-bike sono dotate di un cambio a tre rapporti e di un motore centrale a cardano che accompagna e ottimizza la pedalata offrendo così agli utenti l’opportunità di provare una nuova esperienza di viaggio.

Le biciclette a pedalata assistita possono essere utilizzate con le attuali formule di abbonamento e prevedono un costo di utilizzo pari a 0,25€ per la prima mezz’ora. Le tariffe d’uso sono consultabili sul sito bikeverona.it e sull’app ufficiale di Verona Bike.

L’ingresso delle e-bike e l’introduzione del nuovo software avvenuto nel mese di giugno rappresentano un passo molto importante nell’evoluzione del servizio sempre più proiettato a rispondere alle esigenze dei suoi utenti.