Media Key

Urban Sports Club continua il suo percorso di crescita, ora attivo a Bruxelles

Urban Sports Club, applicazione leader in Europa che consente l’accesso in modo facile e flessibile a palestre e impianti fitness, continua il suo percorso di crescita e consolida la sua presenza in Europa attivando il servizio a Bruxelles. La app fondata a Berlino nel 2012 da Mortiz Kreppel e Benjamin Roth prosegue con il suo piano di crescita e annuncia il suo arrivo in Belgio, Paese che va ad aggiungersi ai cinque in cui il servizio è già attivo. La capitale belga va così ad accrescere la community di Urban Sports Club con 60 centri partner, che vanno ad aggiungersi ai circa 7.000 già presenti in tutto il continente europeo.

Sempre quattro sono le forme di abbonamento flatrate disponibili che consentono di accedere non solo ai centri della capitale belga, ma anche in tutte le strutture partner delle città attive in tutta Europa. Le diverse taglie di abbonamento permettono agli iscritti di frequentare i centri che fanno parte del network senza vincoli di orario o area geografica, inoltre gli utenti hanno la possibilità di disdire l’iscrizione in qualsiasi momento.

Per Urban Sports Club è questa l’occasione di rafforzare la sua posizione in un Paese nuovo, dove il suo ingresso avviene organicamente senza alcun supporto esterno. Si tratta sicuramente di un momento importante per la startup tedesca che ha l’occasione di far conoscere il suo nome ai numerosi viaggiatori e visitatori di Bruxelles, offrendo loro la possibilità di svolgere varie attività tra cui pilates, yoga, EMS, CrossFit e molto altro ancora. Questo traguardo rende sicuramente molto orgogliosi i due fondatori, Moritz Kreppel Co-founder  e CEO di Urban Sports Club commenta così l’obiettivo raggiunto “Bruxelles non è solo il centro politico europeo, ma anche la città ideale per Urban Sports Club grazie alla sua posizione geografica poiché situata esattamente al centro del Paese.” prosegue poi affermando che “L’espansione in Belgio ci permette inoltre di consolidare in maniera ancora più forte la nostra posizione in Europa, era quindi solo una questione di tempo il nostro arrivo in Belgio”.

Bruxelles segna un passaggio importante per la startup tedesca che nel prossimo anno punta a rafforzare il suo posizionamento in Europa e il suo ruolo di leader.