08 agosto 2018

The Document Foundation annuncia LibreOffice 6.1

Categoria: Tecnologie, app e scenari

The Document Foundation annuncia LibreOffice 6.1, la seconda major release della famiglia LibreOffice 6 presentata a gennaio 2018, con un numero significativo di funzionalità completamente nuove o migliori rispetto alle precedenti versioni:

• Colibre, un nuovo tema delle icone per Windows basato sulle linee guida Microsoft, che rende la suite per ufficio più gradevole – sotto il profilo visuale – per gli utenti che provengono dall’ambiente Microsoft;
• Una funzionalità di gestione delle immagini completamente rinnovata, più agevole e veloce grazie a un nuovo motore grafico e a un migliore flusso, con alcuni vantaggi anche nell’importazione dei documenti dai formati proprietari Microsoft;
• La riorganizzazione dei menù di Draw, con l’aggiunta di un nuovo menù Pagina, per una maggiore coerenza dell’esperienza utente tra i diversi moduli;
• Un significativo miglioramento per Base, per il momento disponibile solo in modalità sperimentale: il motore per database HSQLDB è stato deprecato, pur essendo ancora disponibile, e il nuovo motore per database Firebird è diventato la scelta predefinita (gli utenti sono invitati a migrare i file usando il nuovo assistente per le migrazioni da HSQLDB a Firebird, o esportando i database su un server HSQLDB esterno);
• Visibili miglioramenti a tutti i moduli di LibreOffice Online, con una serie di modifiche all’interfaccia utente, per renderla più gradevole e coerente rispetto alla versione desktop;
• Un migliore filtro di esportazione EPUB, in termini di supporto di link, tabelle, immagini, embedded font e note a pié di pagina, con un maggior numero di opzioni per la personalizzazione dei metadati;
• Le pagine di Online Help sono state arricchite con testi e file di esempio, per guidare gli utenti alla conoscenza delle funzionalità, e sono più facili da localizzare.

Le nuove funzionalità di LibreOffice 6.1 sono state sviluppate da una grande comunità di volontari: il 72% dei contributi provengono da dipendenti di aziende che fanno parte dell’Advisory Board come Collabora, Red Hat e CIB, e da altre organizzazioni come SIL e Pardus, e il 28% da contributi individuali.

Inoltre, c’è una enorme comunità di volontari indipendenti che si occupano di altre attività fondamentali come l’assicurazione della qualità, la localizzazione, l’interfaccia utente e la user experience, la produzione della documentazione e dell’online help, e la promozione del software libero e dei formati standard a livello locale.

Un video che riassume le principali nuove funzionalità di LibreOffice 6.1 è disponibile su YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=JvoCpnwGNFU.

Utilizzo in ambito aziendale

LibreOffice 6.1 rappresenta lo stadio più avanzato – in termini di funzionalità – per le suite per ufficio open source, e in quanto tale è indirizzato agli appassionati di tecnologia, agli early adopter e ai power user.

Per l’utilizzo in ambito aziendale, TDF fornisce il più maturo LibreOffice 6.0, che dovrebbe essere acquisito da un’azienda che fornisce una versione della suite con supporto a lungo termine (le aziende sono tutte nell’Advisory Board, e sono qui: www.documentfoundation.org/governance/advisory-board/).

Inoltre, i servizi a valore aggiunto per le migrazioni e la formazione, a supporto delle installazioni all’interno di organizzazioni di grandi dimensioni, dovrebbero essere acquisiti da professionisti certificati (la lista è disponibile sul sito: http://www.libreoffice.org/get-help/professional-support/).

LibreOffice viene utilizzato da organizzazioni di grandi dimensioni in ogni continente. Una lista parzialmente aggiornata delle migrazioni più significative annunciate dai media si trova sul wiki TDF: https://wiki.documentfoundation.org/LibreOffice_Migrations.

Disponibilità di LibreOffice 6.1

LibreOffice 6.1 è immediatamente disponibile dal seguente link: https://www.libreoffice.org/download/. I requisiti minimi per i sistemi operativi proprietari sono Microsoft Windows 7 SP1 e Apple macOS 10.9. LibreOffice Online è disponibile come immagine Docker:https://hub.docker.com/r/libreoffice/online/.

LibreOffice Online è un servizio che va installato su un server e integrato con uno storage cloud e un certificato SSL. Di fatto, è una tecnologia per i servizi cloud o il cloud privato degli ISP o delle grandi organizzazioni.

Gli utenti LibreOffice, i sostenitori del software libero e i membri della comunità sono invitati a sostenere The Document Foundation con una donazione sul sito: https://www.libreoffice.org/donate.

LibreOffice 6.1 è stato sviluppato grazie anche alle librerie di conversione dei documenti del Document Liberation Project:https://www.documentliberation.org.


«  Hyundai Motor lancia la campagna...  Il Dipartimento Cultura e Turismo...»

GLI OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE