16 maggio 2018

Con Galbani e Ogilvy la cucina è diventata Buona Da Star Bene

Categoria: Comunicazione online, siti e concorsi web

Ammirata da tutto il mondo, la tradizione culinaria italiana è parte dell’identità dei cittadini del Bel Paese, di cui ha raccontato e continua a raccontare la storia, il modo di essere e lo stile di vita.

Ed è proprio sulle nostre tavole che negli ultimi 10 anni si è consumata una vera e propria rivoluzione alimentare e culturale: complici i ritmi di vita più frenetici e una maggiore cura del proprio corpo, gli italiani sono sempre più attenti ad un’alimentazione bilanciata, che predilige prodotti selezionati e poveri di grassi, con meno sale e zuccheri.

Ecco perché Galbani, da sempre accanto a chi cerca ispirazione in cucina, ha voluto coniugare l’attenzione al benessere e il gusto della tradizione delle tue ricette di sempre. Così, insieme a Ogilvy, è nata “Buona da star bene”: una nuova filosofia di cucina, che sa come cuocere e combinare gli ingredienti per mangiare bene tutti i giorni, portando in tavola i più gustosi piatti della tradizione, in una versione attenta al benessere.

Il progetto si sviluppa in collaborazione con l’esperta nutrizionista Chiara Manzi, specializzata in Nutrizione Culinaria, e nel suo Team di Chef professionisti, una squadra perfetta per rielaborare le ricette più cercate sul sito Galbani fornendone un’alternativa ricca di gusto, ma equilibrata nell’apporto dei nutrienti, da gustare da soli o in compagnia.

Delle oltre 6.000 ricette presenti sul sito Galbani, 300 saranno le ricette rivisitate sotto il profilo nutrizionale per essere più equilibrate nell’apporto dei nutrienti adeguati ad un adulto che consuma circa 2000 kcal al giorno, disponibili per la consultazione a tutti gli utenti del sito galbani.it
Non solo, verranno anche suggeriti metodi di cottura e piccoli ma preziosi accorgimenti da adottare in cucina – come ad esempio temperature più basse e prolungate, la preparazione della sfoglia con il solo albume, l’uso di spezie e aromi per evitare l’aggiunta di sale – per reinterpretare i piatti della tradizione in una versione “buona da star bene”!

Completa l’operazione una strategia di lancio social, che coinvolge i canali owned del brand, e una pianificazione radio per invitare gli utenti a scoprire la nuova filosofia in cucina.

“La sensibilità verso la salute, verso la ricerca del benessere condiziona sempre di più le scelte di consumo – commenta Diego Puerta AD Gruppo Lactalis Italia - Per una marca come Galbani, da sempre sulle tavole delle famiglie italiane è importante accogliere questi nuovi bisogni non solo in termini di novità funzionali dei prodotti proposti, ma anche come valore di servizio verso un consumo più consapevole e corretto, per una visione più completa dell’alimentazione, attenta alle esigenze nutrizionali. Galbani ha sempre fatto del rapporto di fiducia con i suoi consumatori il suo asset principale e questo valore così importante va sostenuto ogni giorno. Proprio alla luce di questo impegno abbiamo pensato a questo progetto che porta avanti una nuova consapevolezza in cucina, adeguata alla vita che ciascuno conduce, e capace di superare l’errata concezione di cibi buoni e cibi cattivi.”

“Il nostro obiettivo – racconta Giuseppe Mastromatteo, Chief Creative Officer di Ogilvy – era intercettare il bisogno di mettere in tavola piatti che strizzassero l’occhio alle nuove esigenze dei consumatori. Così abbiamo ideato la cucina Buona da Star Bene: un nuovo modo di cucinare che mette sotto lo stesso tetto un’alimentazione consapevole e attenta e il gusto della tradizione delle “Ricette di Casa Mia”, la piattaforma digitale di Galbani che da 7 anni raccoglie le ricette delle famiglie italiane”.


Credits
Chief Creative Officer: Giuseppe Mastromatteo, Paolo Iabichino
Client Creative Director: Valeria Cornelio, Paolo Tognoni, Lavinia Francia
Senior Art Director: Andrea Sghedoni
Head of planning: Alessia Vitali
Digital Strategist: Claudia Biccari
Team Account: Adelaide Dozio, Emmanuele Rossi


«  Pubblimarket2 firma concept...  Il progetto digital #SoundOfRum di...»

GLI OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE