11 gennaio 2018

L’anno che vorrei su “IL”, magazine di Idee e Lifestyle del Sole 24 Ore: Piperno, Veronesi, Pacifico, Berman e le migliori firme di IL raccontano idee, desideri e utopie per il 2018

Categoria: Tv, editoria, radio e concessionarie

Inizia un nuovo anno e ognuno di noi, tra propositi, progetti e previsioni, se lo immagina a suo modo.
Anche il primo numero di IL, il magazine di Idee e Lifestyle del Sole 24 Ore in edicola con il quotidiano venerdì 12 gennaio, traccia un quadro di come – si spera – sarà questo 2018 tra idee desideri e utopie.
 
E lo fa sotto diversi profili: dagli scenari culturali a quelli globali passando per quelli di stile sino agli scenari personali.
 
Sotto il profilo culturale cosa porterà con sé questo 2018? Salirà – e quanto? - la curva di quelli che restano sul divano invece di andare al cinema? Una scorsa alle serie italiane annunciate fa pensare che sia l’anno delle serie tv italiane di qualità, mentre al cinema ci attendono sequel, spin-off e reboot. IL anticipa anche alcune tra le più interessanti novità editoriali del nuovo anno tra esordienti, autori ancora in cerca di conferme e grandissimi nomi.
 
E il 2018 sarà l’anno della ripresa oppure no? Quali saranno le evoluzioni a livello politico nel nostro paese ed a livello globale? IL traccia un quadro degli scenari tra cui ci muoveremo: dall’Italia al voto a Donald Trump alle prese con il Russiagate e le elezioni di metà mandato, sino alle molestie dopo il caso Weinstein.
 
Quando si parla di stile il 2018, come racconta questo numero di IL, sarà l’anno della valorizzazione delle botteghe e del cibo come una volta, del grande ritorno del filato in cotone, in cachemire o in lana, della qualità della tradizione.
 
E a livello personale? Le firme di IL, tra cui Alessandro Piperno, Sandro Veronesi, Francesco Pacifico e Paul Berman, raccontano le proprie (individualissime) idee, desideri e utopie: c’è chi sogna l’uscita di un film e chi vuole riformare il calcio europeo. C’è chi conta già i cocci di un anno appena iniziato e chi vorrebbe soltanto un po’ di silenzio.


«  Leagas Delaney non si riposa e...   2017 da primato per le macchine...»

GLI OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE