31 ottobre 2017

I registi di AIR3 si affidano all'Open Ecosystem di Cooperacy nelle decisioni circa il proprio futuro

Categoria: Comunicazione, produzione e concorsi

AIR3, l’associazione di registi italiani che operano nel settore cinematografico, documentaristico, pubblicitario, del videoclip e dell’industria dell’audiovisivo, si incontra di nuovo a Campo Largo, format creato ad hoc da Cooperacy per gestire i lavori durante gli incontri degli associati.

L'Associazione Italiana Registi ha voluto nuovamente rivolgersi a Cooperacy affinché facilitasse il processo decisionale in merito ad un argomento tanto importante quanto la definizione della propria governance futura, in un’ottica di accresciuta partecipazione.

La proposta metodologica messa a punto dal co-fondatore di Cooperacy Alessandro Merletti De Palo - nonché regista associato ad AIR3 - è l'Open Ecosystem, evoluzione dell’Open Space Technology (OST), tecnica sviluppata da Harrison Owen ispirandosi alle riunioni tradizionali dei popoli arcaici e portata a Milano da Genius Loci. Grazie al grande livello di piacevolezza diffusa finale della metodologia e della distribuzione naturale delle energie personali dei partecipanti, questa “tecnologia sociale” è aderente ed in linea con la coordinazione libera delle diversità tipica della cooperazione.

“La modalità di fare riunione dell’open ecosystem diffonde conoscenza seguendo le personali indicazioni dei partecipanti – racconta Alessandro Merletti De Palo – sebbene tutto il gruppo diventi poi cosciente di sé, attraverso una consapevolezza profonda che coinvolge anche il contesto professionale e umano che lo circonda, attivando un pensiero eco-sistemico e cooperativo".

Il risultato della giornata è stato riconosciuto da tutti come positivo e generatore di valore per l'associazione e per il suo futuro. La metodologia applicata ha lentamente fatto prendere maggior coscienza ai partecipanti del momento di trasformazione e di affrancamento da modelli troppo centralizzati, in modo da creare spazio fisico e mentale per una progettualità volta ad una naturale volontà di partecipazione degli associati, al fine di provare a garantire un’organica evoluzione della vita di AIR3.

Cooperacy è un progetto volto a diffondere la cooperazione e la consapevolezza del pensiero ecosistemico in diversi contesti. Al livello base troviamo Cooperacy Research, che sviluppa la scienza della cooperazione da un punto di vista accademico. Al livello successivo troviamo Cooperacy Experience, l’applicazione del modello all’interno di piccoli gruppi, di comunità o di interazioni su scala ridotta in cui ci si può incontrare dal vivo. Cooperacy Consulting invece valuta l’ecosistema cooperativo ed il suo miglioramento presso gruppi, aziende ed istituzioni che operano su numeri e spazi più ampi. Considerando un contesto ancora più grande la Cooperacy Platform (il cui lancio è previsto per il 2018, oggi in fase beta) permette di creare le condizioni per un’economia cooperativa basata sulla distribuzione del benessere, delle attività e del potere che ricrei un ecosistema contraddistinto da equilibrio e piacevolezza.


«  YES I AM firma il caleidoscopico...  Presentato a Padova il focus...»

GLI OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE