11 luglio 2017

Cresce l’efficacia Libra ESVA contro le minacce informatiche: maggiore attenzione a ISP, aziende e utenti finali nella versione 4.2

Categoria: Comunicazione, produzione e concorsi

Libraesva, leader nello sviluppo e nella fornitura di soluzioni avanzate di e-mail security, annuncia la disponibilità della nuova release 4.2 di Libra ESVA – email security virtual appliance e delle innovative funzionalità che portano a beneficio dei suoi utenti ISP, delle aziende da questi servite e degli utenti finali.

Libra ESVA è l’email security gateway che da sempre si è contraddistinto per efficacia e affidabilità, ricevendo premi da rinomati centri certificatori internazionali per la sua capacità di annientare gli attacchi informatici a includere ransomware, phishing, virus e trojan. A Libra ESVA è stato attribuito, tra gli altri, il riconoscimento del prestigioso Virus Bulletin, i cui test hanno confermato anno su anno uno spam-catch-rate prossimo al 100% e zero falsi positivi.

Sviluppato su una base di partenza qualificata di questo spessore, la nuova versione 4.2 si preannuncia rinnovata in molteplici funzionalità definite in accordo con la richiesta sempre più stringente del mercato Enterprise di soluzioni in grado di soddisfare le esigenze diversificate degli operatori ISP, in primis, e, a cascata, delle aziende clienti di ogni dimensione e degli utenti che quotidianamente utilizzano la posta elettronica per lo scambio di dati e informazioni anche sensibili.

L’email è la forma di comunicazione aziendale più universale che esista e il suo utilizzo in sicurezza in ambito business è la priorità per Libraesva, da anni specializzata nel campo dell’email security. Rodolfo Saccani, Security R&D Manager di Libraesva presenta le specificità della nuova versione per ciascun target e ambito d’impiego.

In un contesto d’adozione aziendale, Libra ESVA 4.2 si presenta innanzitutto ottimizzato per rilevare anche i tentativi di whaling, ovvero quelle tipologie di phishing mirato in cui il truffatore si spaccia per un dirigente della società stessa. Questo tipo di attacco è in aumento anche nel nostro paese ed è particolarmente difficile da intercettare tanto da giustificare lo sviluppo di un motore specifico. Nella nuova release sono inoltre disponibili dashboard grafiche che illustrano la provenienza geografica delle minacce nonché la rappresentazione su mappa del percorso delle email, funzionalità che semplificano il lavoro di analisi.

Rivolgendosi poi a chi si occupa in maniera diretta dell’implementazione tecnica delle soluzioni al servizio delle aziende, ovvero agli ISP, la nuova release di Libra ESVA consente di delegare funzionalità di amministrazione agli amministratori di dominio.

Agli ISP sono inoltre rivolte le nuove API amministrative che consentono un’integrazione completa con le proprie dashboard.
Se queste integrazioni parlano un linguaggio tecnico, quello che è maggiormente comprensibile sono i vantaggi per gli utenti finali che possono beneficiare di uno scambio di messaggi elettronici di varia natura – a includere ad esempio in ricezione notifiche provenienti da siti e e-commerce, newsletter e DEM di terze parti, fino a comunicazioni dai contenuti sensibili quali cartelle cliniche digitalizzate o estratti conto - epurato da ogni possibile minaccia nota e soprattutto da minacce non ancora note e con maggiore continuità di servizio.

Libra ESVA abbina infine la soluzione di Load Balancer, pensata per risolvere in modo semplice ed efficace le problematiche di carichi elevati e continuità del servizio, e rende disponibile nella standard subscription la QuickSand Protection, una sandbox che protegge da contenuti malevoli attivi presenti nei file Microsoft Office e PDF.


«  Il Festival dell’innovazione...  Recalculating Adventure: AWE...»

GLI OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE