29 gennaio 2015

Crowdfunding l’arma in più che trasforma l’artigianato in “e-handcraft 2.0”

Categoria: Comunicazione online, siti e concorsi web

La tecnologia potrebbe cambiare la vita di un gruppo di donne coraggiose. Le anime rosa della comunità brasiliana Fazenda Carità sognano, infatti, di costruire una piattaforma e-commerce multilingua per vendere in tutto il mondo le loro produzioni tessili artigianali. Per farlo, proprio approfittando della tecnologia, hanno lanciato una raccolta fondi online utilizzando la modalità del crowdfunding. Il progetto e-Commerce Fazenda Carità Artigianato Brasile può essere approfondito e supportato su Fidalo – Idee in movimento (www.fidalo.eu), piattaforma web di crowdfunding che ha deciso di dare visibilità all’iniziativa messa in atto dalla comunità in collaborazione con l'associazione Amici di Joaquin Gomes.

L’e-commerce dal momento della sua esplosione fino ad oggi ha sempre rappresentato una grande opportunità per le imprese e una vetrina d’eccezione per chiunque dovesse far conoscere a più persone possibile la qualità dei propri prodotti senza disporre di budget faraonici. È anche vero che uno dei limiti maggiori dell’e-commerce, secondo diversi studi, è sempre stato il problema dell'accesso al commercio in rete per le realtà delle nazioni in via di sviluppo. Ma forse oggi il vento è cambiato grazie a un'altra nuova pratica che deve proprio a internet il suo improvviso successo: il crowdfunding, una modalità di raccolta fondi dal basso che permette anche a chi abita in zone meno facoltose di poter mettere insieme il budget necessario per dare vita alla propria impresa virtuale. La rete per la rete, come nel caso del progetto di crowdfunding e-commerce Fazenda Carità Artigianato Brasile pubblicato sulla piattaforma di Fidalo (www.fidalo.eu) e sostenibile secondo la formula reward based. Ogni donatore, infatti, sarà ringraziato con un particolare reward prodotto da Fazenda Carità, a seconda dell’importo che devolverà. Ricompense rigorosamente artigianali come portapenne, tovagliette, borse, tappeti, tovaglie o amache.

Fazenda Carità è una comunità nata da oltre cento famiglie di Sem Terra – movimento che lotta per ridistribuire equamente vasti latifondi inutilizzati, individuandoli e presidiandoli – che anni fa decisero di abitare e coltivare uno spazio a 60 km da Cicero Dantas nello stato di Bahia in Brasile. Giorno dopo giorno, la comunità, dopo aver ottenuto anche il riconoscimento del diritto alla terra da parte del governo, ha creato una realtà produttiva in grado di offrire ai propri membri un’esistenza dignitosa.

Oggi nella Fazenda Carità, mentre gli uomini si dedicano all’agricoltura, le donne hanno costituito un’associazione per la produzione tessile, grazie ai telai acquistati con il contributo dell’Avosd (Associazione Volontari Oratorio San Domenico) di Pinerolo. Così, sfruttando l’esperienza maturata e la loro creatività, le donne dell’Associazione donne imprenditrici di Carità producono svariati articoli originali, colorati e abilmente rifiniti, resistenti come solo un manufatto artigianale può essere. Queste donne coraggiose e visionarie hanno, però, sempre coltivato il desiderio di realizzarsi nel tessile e creare una rete più grande della vendita porta a porta. Proprio grazie a internet e all’esperienza di Fidalo, le donne di Fazenda Carità possono oggi intravedere, la possibilità reale di raccogliere i fondi necessari a costruire un portale di e-commerce multilingua dove vendere i propri artigianali, dando vita a una sorta di “e-handcraft 2.0”. Per sostenere le loro ambizioni e partecipare alle donazioni basta iscriversi al sito www.fidalo.eu, cliccare sulla pagina del progetto e infine scegliere la cifra da donare tramite carta di credito. Il traguardo da raggiungere è di 12.000 euro. Acquistare un prodotto dell’Associazione donne imprenditrici di Carità significa scegliere un articolo di qualità e contribuire alla prosecuzione di questo cammino di speranza.

Visita il sito www.fidalo.eu e sostieni il progetto


«  Esce oggi “Le due verità...  2015: è inesorabile il boom del...»

GLI OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE